Juventus, conferenza stampa Pirlo: c’è solo una squadra da battere

0
851

Juventus, conferenza stampa pre match contro il Bologna. Pirlo ha affrontato diversi temi caldi per il proseguo del campionato

Juventus
Pirlo conferenza stampa, Juventus @Getty

Juventus, conferenza stampa Pirlo: il maestro ha affrontato diversi temi caldi per il proseguo del campionato bianconero. Si è parlato di due giocatori in particolare, Chiesa e Frabotta stanno bene e potranno giocare. Domani nella sfida casalinga contro il Bologna il maestro dovrà allungare in classifica sfidando il Bologna nell’inconsueto orario di pranzo. Appuntamento alle 12.30 quindi. Nella conferenza si è parlato di diversi temi cruciali per l’attuale stagione della Juventus. Secondo il maestro c’è una squadra da battere sopra tutte in questo momento, il suo ex Milan. Ecco cosa ha detto Pirlo in conferenza stampa:

LEGGI ANCHE>>>Calciomercato Juventus, super offerta per la punta: gli emiri fanno sul serio

Juventus, conferenza stampa Pirlo: c’è solo una squadra da battere

Juventus
Andrea Pirlo, allenatore della Juventus @Getty

Innanzitutto il maestro ha voluto rassicurare l’ambiente parlando degli infortunati e delle condizioni dei giocatori, soffermandosi anche sull’importanza dei suddetti: “Giorgio Chiellini viene da un periodo lungo di inattività e va gestito. Chiesa e Frabotta stanno meglio. Demiral si è allenato ed è a disposizione. Chiesa può giocare a sinistra e può anche scambiarsi di posizione con Cristiano, come fatto col Napoli. Non cambia niente. McKennie è un giocatore importante per noi, ha ottimi tempi di inserimento e dinamismo”.

Ma la vera grande notizia è che Pirlo, alla domanda su chi fosse la squadra da battere e favorita per lo scudetto, ha spiazzato tutti dando una sua favorita, identificata anche come la squadra da battere.

LEGGI ANCHE>>>Calciomercato Juventus, scambio con il Milan: Demiral sul piatto, i dettagli

Secondo il maestro infatti la favorita è la sua ex squadra dove ha militato 10 anni e vinto tutto da giocatore, stiamo parlando del Milan ancora oggi capolista, ecco cosa ha detto a tal proposito: “La corsa per il titolo, come ha detto Fonseca, è racchiusa in cinque-sei squadre, tutte dello stesso livello. Ma la formazione da battere adesso è il Milan: è primo in classifica e sta dimostrando grande continuità. Noi guardiamo a noi stessi, dobbiamo vincere tante partite e poi vedremo come andrà a finire. Avremo tanti scontri diretti da giocare qui a Torino: solo dopo vedremo a che punto saremo in classifica