Juventus, l’annuncio in diretta: “Gli ha chiesto di lasciare la presidenza”

0
924

Juventus, stando alle indiscrezioni lanciate dal giornalista Bargiggia, John Elkann avrebbe chiesto ad Agnelli di lasciare la presidenza.

Dirigenza Juventus, Andrea Agnelli (Getty)

Juventus, stando alle indiscrezioni riportate dal giornalista Paolo Bargiggia, l’attuale presidente della Juventus Andrea Agnelli avrebbe ricevuto dall’amministratore di Exor John Elkann la richiesta di lasciare la presidenza del club bianconero.

Notizia che destabilizzerebbe tutto l’ambiente ma, stando sempre alle indiscrezioni lanciate dal giornalista, avrebbe anche un piano b per il presidente Agnelli. La richiesta sarebbe la l’acquisizione della quota di maggioranza della Juventus.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Sirigu positivo: cresce la preoccupazione in casa Juventus

Juventus, l’annuncio in diretta: “Gli ha chiesto di lasciare la presidenza”

John Elkann (getty images)

Così ha raccontato il giornalista Bargiggia: “È una cosa che ho scritto questa mattina sul mio blog. C’è una certa fibrillazione da parte di John Elkann per quanto riguarda l’asset Juventus dentro la galassia Exor. Io semplicemente ho raccontato un fatto senza spingermi a dire quello che succederà, perché credo che non lo sappia nemmeno John Elkann. Vale a dire, che c’è recentemente stato un colloquio tra John Elkann e Andrea Agnelli e Elkann illustrando le criticità del momento avrebbe manifestato a Agnelli l’intenzione di valutare un cambio di management a partire proprio dalla figura del Presidente Andrea”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, slitta il rinnovo: c’è una novità

Bargiggia ha poi concluso, come viene riportato da ‘radioradio.it‘: “Ho avuto un’informazione da una fonte che io ritengo abbastanza attendibile o quantomeno che ha un ruolo importante nel mondo del calcio. Poi sicuramente è difficile fare delle ipotesi su quello che succederà. È chiaro che secondo me questa chiave di lettura va molto più in là dei risultati che può ottenere la Juventus. Non credo che queste strategie vengono fatte se arrivi quarto, quinto o terzo. Credo sia più una cosa ad ampio respiro. Non credo che i risultati siano l’unica discriminante”.