Juventus, “nuova Calciopoli”? La risposta di Report spiazza tutti

0
106

Juventus, il paragone è già stato fatto: “Inchiesta plusvalenze nuova Calciopoli?” Così ha risposto il giornalista di Report.

Juventus, dirigenza (Getty)

Juventus, il caos plusvalenze è già stato paragonato da alcuni come una nuova forma di calciopoli, a tal proposito il giornalista di Report, Daniele Autieri, ha parlato a ‘Il sogno nel cuore’ durante la trasmissione 1 Football Club, in questa occasione ha chiarito un po’ di fattori, andati poi in onda su Rai 3, ecco cosa ha detto:
La plusvalenza rappresenta un vero reato solo se è fittizia. Se io sono così bravo da comprare un giocatore a dieci e poi, due anni dopo, lo rivendo a venti, perché l’ho fatto crescere, quello non solo non è reato, ma significa anche che ho lavorato bene e con giudizio”.

LEGGI ANCHE >>> Juventus-Malmo, cinque assenze UFFICIALI: i convocati di Allegri

Le parole del giornalista Report sul caos plusvalenze

Dirigenza Juventus (Getty)

Autieri ha poi continuato: “Se, invece, diversamente, mi accordo con un’altra squadra e gli compro un giocatore ad un prezzo che viene maggiorato facendogli, dunque, una specie di favore e spalmandomi quel debito su cinque anni di bilancio. Quello che mi ha dato in cessione il suo giocatore iscrive una plusvalenza sul suo bilancio. Molto spesso, poi, si manifestano scambi a specchio: due squadre si scambiano calciatori per lo stesso valore, superiore a quanto è stato il costo di acquisto. Non c’è un vero passaggio di danaro ma a bilancio, anche in questo caso, si fa una plusvalenza. In questo caso si sta facendo un operazione illegale”. 

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, ombre sul futuro di Chiesa | Decisione presa

Ma cosa c’è di vero con il confronto a Calciopoli, siamo davvero all’alba di un Calciopoli bis’ Autieri ha risposto: “Dire oggi cosa rischiano Juventus e ricordiamolo altre società, è molto difficile. Diciamo che la similitudine con Calciopoli è che, anche in quel caso, ci fu prima una indagine della giustizia ordinaria, e solo in un secondo momento quella sportiva che intervenne. Ad oggi l’unica cosa che possiamo sapere è che la Federcalcio e la Procura Federale si sono già mosse insieme, ma molto dipenderà da come finirà l’indagine della Procura di Torino. Io penso che ci saranno dei rinvii a giudizio od un processo in breve termine. Possiamo sperare che dal punto di vista sportivo si deciderà una riforma sul tema plusvalenze ed un rinnovato sistema di controllo sui bilanci sulle società”.