Juventus » Juventus news » Confederations Cup: Italia-Brasile, le pagelle del match

Confederations Cup: Italia-Brasile, le pagelle del match

Balotelli e Giaccherini esultano contro il Giappone - Getty Images

ITALIA-BRASILE PAGELLE / SALVADOR (Brasile) –
Ecco le pagelle della sfida:

ITALIA
Buffon 4: 4 come i quattro gol che ha presoil solito vizio  nel respingere la palla  centralmente, causando il gol di Dante. Un portiere   della sua caratura non può prendere un gol come quello di Neymar
Abate 6: soffre le incursioni di Neymar, ma lo riesce a contenere piu’ di una volta. Peccato per il suo infortunio che lo costringe ad uscire per un intervento al limite del fuoriclasse brasiliano
(30′ Maggio) 6: piu’ intraprendente di Abate in fase offensiva,prova insieme a Candreva  a scardinare  la difesa brasiliana. Sfiora anche il gol con un gran tiro che finisce sulla traversa
Bonucci 6: si fa sorprendere sul colpo di testa di Fred che permette al Brasile di sbloccare la partita, indeciso anche in altre occasioni. non si  fa mai vedere in fase d’impostazione
Chiellini 6,5: sempre concentrato  e risolutivo sugli attaccanti brasiliani fino a quando si fa sorprendere da Fred nell’azione del 3-0. Si riscatta  prontamente con un’incursione in area  realizzando il gol del 3-2
De Sciglio 6; bravo nello scendere sul fondo al cospetto del Brasile. Non è la partita piu’  facile per poter mettere in mostra le sue caratteristiche, ma non sfigura affatto
Candreva 6: prova con alcune discese in avanti a creare   problemi  ai difensori brasiliani, ma soffre quando viene attaccato dal suo dirimpettaio  Marcelo
Marchisio 5,5: inizia bene ma pian piano si affievolisce, la senzazione è che non si ritrovi nel modulo di Prandelli. Comunque molto al di sotto delle aspettative
Aquilani 5: non sembra in grado di sostenere il centrocampo azzurro, si fa spesso anticipare, anche se ha il merito di avviare l’azione sul gol di Giaccherini
Montolivo 5: soffre la verve di Oscar, non riesce a sostituire Pirlo efficacemente ed è costretto ad uscire per un infortunio al 25
(25′ Giaccherini) 7: sempre piu’ Giaccherinho, subentrato a metà del primo tempo per linfortunio di Montolivo ci mette poco a carburare e su un preciso assist di tacco di Balotelli trafigge Julio Cesar  per l’1-1 momentaneo
Diamanti 5,5: non sfrutta la chance  che gli si presenta di scalare punti nelle gerarchie di Prandelli. Non riesce quasi mai a innescare l’attacco azzurro
Balotelli 7: tiene il reparto d’attacco  sulle sue spalle e il tacco a smarcare Giaccherini nell’azione del primo gol azzurro vale da solo il prezzo del biglietto.

All.Prandelli 6: Italia che reagisce nella ripresa, ma ancora troppo indecisa dietro

BRASILE
J.Cesar 6,5: non ci sembra colpevole in nessuno dei due gol azzurri, effettua  una grande parata nel secondo tempo   che evita all’Italia  di  riavvicinarsi nel punteggio
Marcelo 7: sempre una minaccia costante in attacco, da lui partono i cross che mettono in ambasce  la difesa  azzurra
T.Silva: 6,: non si scompone mai e dimostra  di essere il piu’  bravo della difesa brasiliana, contro un Balotelli insidioso
David Luiz 6: si fa notare per uno screzio con Diamanti, energico su Balotelli a cui non concede metri. E’ costretto ad uscire a causa di una ginocchiata di Candreva
(33′ Dante) 6: errore macroscopico in difesa, ma si riscatta con il tap-in sotto porta che manda  in vantaggio il Brasile
D.Alves  6: non particolarmente  ispirato,  soffre  nella ripresa  il ritorno veemente degli azzurri
Hernanes: non si fa vedere come quando entra nella ripresa  dove cambia spesso la partita. Nel secondo tempo  soffre la verve del centrocampo azzurro, fa comunque sentire la sua presenza
Luiz Gustavo 7: il piu’  bravo dei centrocampisti verdeoro, non perde  mai la bussola e   orchestra  le manovre con sicurezza
Oscar 7: minaccia costante fin dall’inizio del match, pericoloso  quando si sgancia per infilarsi tra le linee
Neymar 7 : a tratti dimostra la sua classe, ma di lui non ci piacciono gli atteggiamenti   antisportivi, come in occasione della punizione da cui scaturisce il gol
(66′ Bernard) 6: 
si vede  che ha delle qualità come in occasione del passaggio che avvia il 4° gol del Brasile, un giovane di grande prospettiva, cresciuto all’ombra di  Ronaldinho
Hulk 6: buoni i suoi movimenti  ad allargare il gioco sugli esterni, ma come dimostra  nella giornata di oggi   non ha il passo del goleador

 

All. Scolari 6: può contare  su stelle di prima grandezza, ma la sua intelaiatura  di gioco non convince. La  sua squadra  se viene attaccata va in difficoltà

Diego Pedullà