Juventus » Juventus news » News, Nicchi contro Tavecchio e Lotito: ”Mai il sorteggio integrale degli arbitri”

News, Nicchi contro Tavecchio e Lotito: ”Mai il sorteggio integrale degli arbitri”

Marcello Nicchi (getty images)

Marcello Nicchi (getty images)

NICCHI ARBITRI TAVECCHIO – Nelle scorse ore era venuta fuori l’idea che dalla prossima stagione si potesse tornare al sorteggio integrale degli arbitri, che non esiste più da svariati anni. Tutto questo dopo le ultime polemiche innescate dal Presidente della Lazio Claudio Lotito al termine di Lazio-Genoa di lunedì. Ed è stato proprio il Presidente del club biancocelesti a portare avanti questa idea, appoggiata da altri suoi colleghi di Serie A. Ieri poi è arrivato l’intervento del Presidente della FIGC Carlo Tavecchio che ha ‘aperto’ a questa soluzione: ”La Figc non può non difendere l’Aia che è nostro baluardo spero di onestà. Tutto il resto rientra nella sfera degli interessi dei club – riporta La Gazzetta dello Sport -. E noi rispettiamo anche i club perché rappresentano le nostre risorse, ma dobbiamo stare attenti a non confondere le regole con le situazioni. Quella del sorteggio sarà una questione che porteremo nelle sedi opportune”.

Secca e stizzita è arrivata la risposta del capo degli arbitri italiani Marcello Nicchi attraverso un’intervista a La Gazzetta dello Sport: ”All’Aia non è arrivata nessuna comunicazione riguardo un ipotetico sorteggio. E di sicuro non è la Lega e tantomeno un presidente di un club a poter fare una cosa simile. La sede opportuna è il Consiglio federale. Sanno dove trovarci. Una eventuale loro richiesta è legittima, ma forse è bene spiegare che sono gli arbitri a decidere. E su questo punto c’è poco da perdere tempo: la nostra risposta è un no secco. Non lo faremo mai. Abbiamo piena fiducia negli arbitri e nei nostri allenatori. Forse qualcuno ha la memoria corta e si è dimenticato che cosa è accaduto negli anni scorsi con sorteggi e griglie (il riferimento è a Calciopoli, ndr). Se qualcuno ha nostalgia del passato, mi dispiace per lui. Noi guardiamo avanti”.