Marcelo

La Juventus dopo l’arrivo di Cristiano Ronaldo ed il ritorno di Leonardo Bonucci, ha sognato di poter mettere a segno il colpo Marcelo, senza riuscirci.

Infatti, al termine del mercato, il terzino brasiliano è rimasto a Madrid, convinto dalle parole del presidente Florentino Perez. I bianconeri, secondo indiscrezioni, ci avrebbero provato fino alla fine, e avrebbero anche chiesto di poterlo avere a gennaio. Ma per avere il brasiliano bisogna recuperare 60 milioni, questo è quanto chiede il Real Madrid per lasciar partire il proprio terzino.

La Juventus riparte da Alex Sandro

Alex Sandro, Juventus

Cristiano Ronaldo e Marcelo si sono sentiti per tutta l’estate, e per come sembra anche nelle ultime ore per parlare della possibilità di poter giocare insieme alla Juventus. CR7 lo avrebbe più volte sponsorizzato alla dirigenza bianconera. Agnelli avrebbe dato l’ok, ma solo in caso della cessione di Alex Sandro. Il Paris Saint Germain sembrava pronto ad offrire 50 milioni di euro per il laterale portoghese, la stessa cifra che la Juventus avrebbe versato al Real per strappare il terzino della nazionale brasiliana. Così non è stato, evidentemente.

Da riunioni tecniche e di mercato, però, si è ragionato che forse alla Juventus, in questo momento, non serve un Marcelo, questo perchè c’è in rosa un Alex Sandro in splendida forma. Allegri ha notato la crescita del Portoghese durante questo primo scorcio di campionato e vista l’età può considerarsi il vero acquisto per i bianconeri.

Marcelo sposa il progetto Real Madrid

Marcelo

In Spagna hanno sottolineato come il calciatore abbia giocato sotto tono e forse distratto dalle voci di mercato, le prime gare del Madrid, una situazione antipatica per tutto l’ambiente delle merenges che aveva dovuto affrontare anche la vicenda Modric. Ma adesso tutto è stato chiarito dallo stesso brasiliano che avrebbe scelto Madrid per chiudere la carriera. La Juventus, pertanto, non esclude un tentativo a giugno, ma nel contempo di gode Alex Sandro. Marcelo alla Juventus non si farà, e forse, pensandoci attentamente, è giusto così. Queste sono sempre state considerate operazioni a rischio, soprattutto per l’età.

Siamo stati selezionati da Google News come sito accreditato, seguici sempre con un CLICK

Siamo stati selezionati da Google News come sito accreditato, seguici sempre con un CLICK