Juventus » esclusive » Genoa, De Ceglie: ”Juve, che emozione ritrovarti. Io al Torino? Mai…”

Genoa, De Ceglie: ”Juve, che emozione ritrovarti. Io al Torino? Mai…”

Paolo De Ceglie (getty images)

Paolo De Ceglie (getty images)

 

DICHIARAZIONI DE CEGLIE GENOA JUVENTUS – Paolo De Ceglie sarà l’ex per eccellenza del match tra Genoa e Juventus di domani sera. Molto più di Marco Motta, visto che il terzino sinistro aostano proviene dal settore giovanile bianconero.

Al quotidiano Tuttosport ha espresso la sua emozione nel riaffrontare la sua squadra del cuore: ”Ritrovare la Juventus sarà emozionante, ma tutto sparirà al fischio d’inizio. Certo, mi farà un certo effetto ritrovare vecchi compagni e molti amici, oltre ad un allenatore come Conte che mi ha dato tanto. Conte mi ha insegnato a vincere, a stare sempre sul pezzo, a non mollare mai. Ma ho anche tanti ricordi positivi che non sono necessariamente legati alla conquista degli ultimi due campionati. Ad esempio non potrò dimenticare la stagione della serie B, quando riuscimmo a conquistare una promozione storica. Sono fiero di aver fatto parte di quel gruppo. Poi c’è stata la stagione con Ranieri in panchina, due anni dopo. Io con la maglia granata? E un’ipotesi impossibile, non succederà mai perché sono juventino dentro. E comunque ad oggi non penso al mio futuro, ma provo invece a vivere il presente, poi a giugno tirerò le somme. Per Gasperini, per il progetto di squadra che la società sta costruendo. E sono contento di aver fatto questa scelta nonostante ci fossero anche altri club che mi stavano seguendo. Purtroppo l’infortunio subito dopo il derby mi ha un po’ condizionato e questa è solo la prima settimana in cui mi sento bene. Poi all’inizio, dopo tanti anni in un altro club, non è facile ambientarsi per cui credo che il mio bilancio sia comunque positivo. Andando via dalla Juventus sapevo che avrei rinunciato molto probabilmente a vincere il terzo scudetto ma sono soddisfatto. Battere la Juve? Non sarà comunque facile perché sono tutti forti, ma soprattutto insieme sono micidiali”.

Marco Orrù