DAZN, nuovo ribaltone | Dopo le polemiche l’annuncio

0
37

DAZN, ecco la nota della nota piattaforma di streaming che smentisce le notizie circolate negli ultimi due giorni. 

Pericolo scampato. Almeno per ora. Dazn torna sui suoi passi, smentendo la notizia circa un cambiamento in corso d’opera delle condizioni contrattuali e delle regole d’utilizzo. Per adesso si potranno quindi continuare a vedere i contenuti della piattaforma streaming in contemporanea su due device. A dicembre, a differenza di come aveva preannunciato due giorni fa il Sole 24 Ore, non ci sarà alcuna novità e tutto continuerà ad essere com’è. Tifosi e appassionati, che già paventavano l’impossibilità di poter “condividere” i propri abbonamenti, possono tirare un sospiro di sollievo.

Diletta Leotta (Getty)

Dazn, attraverso una una nota stampa diramata pochi minuti fa, fa in ogni caso sapere che sono state riscontrate diverse irregolarità nell’uso delle credenziali degli abbonati. Facendo sottintendere che prima o poi bisognerà prendere provvedimenti. Quasi a voler lanciare un avvertimento. O ci si adegua al più presto, oppure dalla prossima stagione addio condivisione.

Leggi anche: Calciomercato Juventus, doccia fredda dall’Argentina | Bianconeri in ansia

DAZN, per ora non ci sarà alcun cambiamento

“Nelle condizioni di utilizzo consultabili al link https://www.dazn.com/it-IT/help/articles/terms-it, attualmente in vigore, è chiaramente indicato che il servizio DAZN e tutti i contenuti visualizzati attraverso lo stesso, sono ad esclusivo uso personale e non commerciale”, si legge nella nota diffusa dalla piattaforma che detiene i diritti televisivi fino alla stagione 2023-24. La password deve essere mantenuta al sicuro. I codici di accesso non devono essere condivisi con nessuno o essere in altro modo resi accessibili ad altri. E ancora – continua Dazn – l’abbonamento dà diritto all’utilizzo del servizio su un massimo di due dispositivi contemporaneamente. L’utente accetta che i dati di login siano unici per lo stesso e non possano essere condivisi con altri”.

“Fin dall’inizio del campionato di calcio di Serie A – si legge ancora – abbiamo constatato un considerevole incremento di comportamenti non corretti che non può essere ignorato. Tuttavia, nel rispetto di coloro che usano in modo corretto la condivisione e con l’obiettivo di tutelare l’interesse dei nostri abbonati, nessun cambio verrà introdotto nella stagione in corso”.