Calciomercato Juventus, l’ultima vittoria di Allegri: firma fino al 2026

0
66

Allegri può sorridere, la Juventus lo trattiene a Torino: rinnovo fino al 2026 per uno dei veterani

Mancano meno di 24 ore all’apertura del calciomercato invernale e tutto lascia pensare che tra i club di Serie A la Juventus possa essere uno dei più attivi.

Juventus, Rugani rinnova fino al 2026
Massimiliano Allegri LaPresse

Per mantenere alto il livello e riuscire a tenere il passo dell’Inter sarà fondamentale per la Juventus inserire almeno un tassello dal mercato. Le assenze di Pogba e Fagioli hanno pesato notevolmente nelle scelte di Allegri che è stato costretto a fare di necessità virtù. Dal mercato, però, potrebbe arrivare un grande aiuto ma allo stesso tempo saranno da monitorare anche le uscite e la questione rinnovi.

Juventus, Rugani verso il rinnovo fino al 2026: ingaggio ridotto

Come riportato dal giornalista Nicolò Schira, in casa Juventus sarebbe pronto a rinnovare Daniele Rugani.

Rugani, rinnovo fino al 2026
Daniele Rugani (Lapresse) – Juvelive.it

Il difensore italiano sarebbe ad un passo dalla fumata bianca per il rinnovo di contratto fino al 2026. Alla luce delle ultime prestazioni la società bianconera si è convinta a trattenerlo, offrendogli un’estensione a condizioni differenti. Rugani, infatti, si ridurrà lo stipendio pur di restare a Torino. Una condizione necessaria per la società che deve tenere a bada i conti. Di fatto è uno degli ultimi veterani del club bianconero, visto che quando è arrivato alla Juve era il lontano 2015. Quest’anno ha collezionato 9 presenze in campionato, di cui 6 da titolare, trovando anche un gol contro il Cagliari. Rugani ha sfruttato l’assenza di Danilo, meritandosi la titolarità e dimostrando di poter essere un giocatore di grande affidabilità nel momento del bisogno.

Nel corso di questi ultimi mesi diversi club hanno mostrato interesse nei confronti di Rugani ma il giocatore ha sempre espresso la volontà di restare a Torino e la Juventus sembra ben felice di trattenerlo. Non solo per i risultati mostrati sul campo, ma anche per la professionalità sempre dimostrata in questi anni e per la capacità di incarnare il dna bianconero.