Juventus » Juventus news » EDITORIALE/ La gioventu’ bianconera, dai piccoli “ultras” al Golden Boy

EDITORIALE/ La gioventu’ bianconera, dai piccoli “ultras” al Golden Boy

Tuttosport

Tuttosport

La settimana bianconera e’ stata caratterizzata dalla parola giovane, in tutto e per tutto. Giovane come i 12000 ragazzini festanti che si sono goduti e hanno vissuto una giornata entusiasmante sulle curve dello Juventus Stadium, curve che sarebbero rimaste tristemente vuote dopo la squalifica inflitta alla societa’ bianconera per i cori di “discriminazione territoriale”…… La Juventus, da grande societa’, proiettata al futuro, le ha riempite le curve, ma di ragazzini under 13 che hanno cantato, esultato e festeggiato al gol di Llorente, un gol preziosissimo arrivato nei minuti di recupero di una partita difficile e sudata. Di tutto questo divertimento, di tutto questa festa vera, pura, c’e’ chi pero’ ha visto del marcio. Il giudice sportivo, ha preso un provvedimento davvero singolare, cioe’ multare la Juventus con un’ammenda di 5000 euro a causa dei cori contro il portiere Brkic da parte proprio di quei ragazzini sugli spalti. L’urlo “merda”ad ogni rimessa dal fondo effettuata dal portiere dell’Udinese, ha sconvolto Tosel e il suo staff, al punto da riprendere la societa’ bianconera e tutti i 12000 piccoli ultras con toni severi e maestri. Forse si esagera, o forse di vuole esagerare, ma la credibiilita’ di alcune decisioni rischia di precipitare ai minimi storici, specie se si guarda a quello che e’ accaduto in Atalanta-Roma e dove tutto e’ stato quasi snobbato. Ai giovani dovremmo insegnare a rispettare regole e comportamenti, ma anche a fidarsi di certi giudizi che a volte, contro qualcuno, rischiano di risultare poco lucidi e privi di buon senso. I ragazzini allo stadio hanno visto giocare grandi giocatori come Buffon, Vidal, Tevez e Pirlo, quest’ultimo per pochi minuti, visto che e’ stato costretto ad abbandonare il campo a causa di un colpo al ginocchio. Al suo posto pero’ e’ entrato uno che nella settimana della gioventu’ bianconera ci entra in pieno. Paul Pogba. Il francesino e’ stato naturalmente acclamato da tutto lo Juventus Stadium che ormai lo ha adottato a beniamino, regalando al solito una buona prestazione. Pogba ormai e’ un giovane mascherato, ma nonostante sembri un veterano, nella giornata di ieri e’ stato premiato con un premio importante ed indicativo, il Golden Boy 2013. Un premio istituito da Tuttosport che dal 2003 ha visto vincere giocatori come Van der Vaart,Messi, Rooney,Balotelli, Pato ect… La Juventus deve essere consapevole di avere in casa uno dei centrocampisti piu’ forti del mondo, e che dovra’ tenerselo stretto per poter pensare di vincere qualcosa di importante nel presente e nel prossimo futuro. In conclusione, i giovani sono il futuro e’ vero, ma bisogna aiutarli a capire cosa e’ giusto, cosa e’ sbagliato e sorattutto cosa e’ esagerato, perche’ “merda” gridato senza offesa, non puo’ essere giudicato e punito alla pari o forse piu’ pesantemente, di tante spranghe, bastoni e coltelli in mano a pseudotifosi……..

Remigare Giovanni