Juventus » esclusive » Calcioscommesse, Gattuso: “Sono offeso. Se venisse dimostrato sarei pronto ad ammazzarmi”

Calcioscommesse, Gattuso: “Sono offeso. Se venisse dimostrato sarei pronto ad ammazzarmi”

Rino Gattuso (getty images)

Rino Gattuso (getty images)

CALCIOSCOMMESSE GATTUSO / MILANO – L’ex centrocampista del Milan e Campione del Mondo 2006, Rino Gattuso, intervenuto ai microfoni di Sky Sport ha risposto in merito al fatto che sia stato inserito tra gli indagati dalla procura di Cremona, nell’ambito del calcioscomessse: “Mai e poi mai ho pensato minimamente di poter truccare una partita. Se venisse dimostrato, sono disposto ad andare in piazza – so di dire una cosa forte – e ad ammazzarmi.  Chi mi conosce sa che non ci sto a perdere neanche una partitella, neanche a scopa con gli amici. Mentre ai microfoni di Sportmediaset ha confermato la sua estrneità ai fatti:  “Sono arrabbiato e offeso. Non so cosa vogliono da me, io non so neanche come si fa a truccare una partita. Non voglio avere macchie sulla mia carriera e chiarirò tutto”. In attesa che esca fuori la verità, noi stiamo dalla parte di “Ringhio” che ha dimostrato sia in campo e nelle dichiarazioni alla stampa la sua pulizia mentale, la sua onestà, e la capacità che in pochi hanno, cioè di dire sempre quello che si pensa. Un campione che ha costruito la sua carriera sul sacrificio e la voglia di migliorarsi, che malgrado la sua aggressività, a volte eccessiva, è stato sempre corretto e leale, e rispettato anche dalle tifoserie avversarie. Noi juventini che abbiamo vissuto la brutta vicenda di Conte, che fatalmente è sfociata in una bolla di sapone, aspettiamo prima di condannare una persona e siamo solidali con Rino Gattuso.

Diego Pedullà