FC Barcelona v Juventus ©Getty Images

La Juventus esce sconfitta dal Camp Nou contro il Barcellona. Nella prima giornata della fase a gironi della Champions League, i bianconeri non riescono a far fronte alle offensive dei blaugrana che trovano praterie nella difesa della Vecchia Signora. Due volte Messi Rakitic annientano la Juventus.

Barcellona-Juventus, le pagelle del match

Buffon 6 – Fa trasalire i tifosi bianconeri con un’uscita di petto fuori dall’area per fermare un ripartenza del Barcellona, ma la lettura dell’azione e l’intervento sono perfetti. Miracoloso poco dopo sul destro dal limite dell’area di Suarez. Non può nulla sulle tre reti dei catalani

De Sciglio 5 – La sorpresa dell’ultimo momento. Gioca preoccupato e questo pesa molto sulla prestazione in campo. Si infortuna dopo un contrasto con Iniesta e poco dopo, con un passaggio da orizzontale da incubo, regala a Dembelé un occasione d’oro. Dal 41’ p.t. Sturaro 6 – Gioca fuori posizione, ma come sempre cerca di metterci la sua grande grinta. Salva sul cross di Messi in occasione del secondo gol, la palla però finisce giusto sui piedi di Rakitic che insacca senza problemi.

Benatia 5 – Un primo tempo ordinato. Ormai si è guadagnato il posto nella difesa bianconera, ma dai suoi piedi parte l’azione per il gol del raddoppio del Barcellona. Il marocchino non si libera del pallone al limite dell’area, lo perde ed arriva il secondo gol dei catalani. Va vicino al gol a dieci minuti dalla fine con un colpo di testa salvato sulla linea da Pique.

Barzagli 5.5 – Dopo le ipotesi di vederlo in campo come terzino destro, viene schierato al centro della difesa. Con Benatia non c’è sintonia e lo si nota dai grandi spazi che la coppia difensiva lascia agli avversari.

Alex Sandro 5 – Poca spinta, difesa a tratti. Il treno brasiliano questa sera è un semplice tram che non riesce a contenere il peso delle falcate del Barcellona.

Matuidi 5.5 – In diverse circostanze, pare non esserci in mezzo al campo ma in altre occasioni compare nello scippare palla agli avversari. Il centrocampo bianconero, però, fatica e la colpa è anche del francese ex PSG

Bentancur 5.5 – Ottimo impatto sul match. Ammonito a metà primo tempo per un brutto fallo su Rakitic. Primi 45 minuti di buona intensità, ma nella ripresa si perde in una marea di errori di impostazione. Dal 63’ s.t. Bernardeschi 6.5 – Entra e alla prima palla toccata si crea una prima occasione da gol con un tiro a giro che finisce alto. Impegna Ter Stegen in altre due occasioni e risulta, alla fine, il più pericoloso della Juventus. Buone indicazione per Allegri per il futuro.

Pjanic 6 – Al decimo si prende gioco di Busquets, lo aggira e lascia partire un destro che impegna Tre Stegen. In mezzo al campo è sempre nel posto giusto al momento giusto quando c’è bisogno di chiudere. Nella ripresa viene travolto anche lui dall’ondata blaugrana.

Douglas Costa 6 – Dalla sua fascia arrivano le occasioni più interessanti per la Juventus. Molto meglio rispetto all’ultima uscita contro il Chievo. Ci si aspettava un segnale dal brasiliano, ed è arrivato. Utile anche in fase difensiva.

Dybala 5 – A differenza dei quarti di finale di qualche mese fa, questa sera non è protagonista. Non si carica la squadra sulle spalle, forse sentendo la pressione degli ultimi giorni. Il confronto con Messi, dopo questa partita, è distruttivo per la Joya

Higuain 4.5 – Higuain chi? È mai sceso in campo? Dall’87’ s.t. Caligara s.v. 

a cura di Emanuele Catone