Juventus, serve un filotto per inseguire un miracolo e preparare la Coppa Italia

0
97

La Juventus deve preparare durante il campionato la finale di Coppa italia contro l’Atalanta. Però ha il dovere di blindare il secondo posto e dare tutto.

Juventus
Gol dei bianconeri @Getty

Dodici partite, un bottino di 36 punti, che aggiunti ai 55 attuali porterebbe la squadra di Pirlo a quota 91. A 91 punti si vince lo scudetto? Negli ultimi 9 anni la Juventus ne ha fatti di più solo in due occasioni (2017-18 con 95 e 2013-14 con 102). Sarri lo ha centrato con 83, Allegri in due occasioni ha festeggiato proprio a 91. Solo tre stagioni fa, anno del testa a testa col Napoli, una rivale pareggiò quella quota: gli azzurri chiusero proprio a 91. Insomma, a 91 punti di solito si vince. Obiezioni d’obbligo: quest’anno l’Inter di Conte sembra proiettata oltre l’asticella. Il dato viene riportato dalla Gazzetta dello Sport che cerca di tenere aperta la lotta per il primo posto. Aperta solo mediatamente considerato che il tricolore ha già preso la strada di Appiano Gentile.

LEGGI ANCHE >>> Dybala vede la luce alla fine del tunnel. La Juventus lo aspetta

Juventus, prepara la Coppa Italia

Cristiano Ronaldo, Juventus @Getty

Le dodici vittorie di fila vanno centrate, e non pare semplice come dirlo. Il vero obiettivo della formazione bianconera è quello di arrivare al meglio alla finale di Coppa Italia contro l’Atalanta. Salverebbe almeno la faccia in una stagione negativo. Tornando al campionato, c’è da aggiungere dell’altro. Considerato che Pirlo arriva da tre successi (Spezia-Lazio-Cagliari), il filotto finale diventerebbe di 15 vittorie consecutive. Numero feticcio, perché uguale al dato della Juventus di Allegri 2015-16, ispiratrice di ogni idea di rimonta. Ma anche numero Everest, perché quest’anno la serie più lunga è proprio di 3 e la continuità non ha trovato casa a Torino. Sulla strada ci sono pericolanti “assatanate” per un punto, un derby, rivali Champions come Napoli, Atalanta e Milan. Come per gli equilibristi sul filo, l’unica via è pensare a un passo per volta.