Calciomercato Juventus, Jacobelli svela i motivi della visita di Raiola

0
363

Calciomercato Juventus, il direttore di Tuttosport ha svelato i motivi della visita di Raiola a Torino. I perché dell’incontro con il procuratore

Mino Raiola calciomercato juventus
Mino Raiola, Calciomercato Juventus (Getty)

La notizia della passeggiata di Mino Raiola, a Torino, qualche giorno fa, è divampata in pochi minuti. Il potente procuratore è stato avvistato nella città torinese. E con il rinnovo di Donnarumma che non arriva – il portiere del Milan è gestito proprio da Raiola – tutto ha fatto pensare che potesse davvero iniziare una trattativa per portare in bianconero l’estremo difensore rossonero.

Fatto sta che l’incontro, che c’è stato, e che ha sicuramente iniziato a mettere trambusto per la propria sessione di calciomercato, ha fatto il giro del web in pochi minuti. Ma a svelare i veri motivi della visita, è il direttore di Tuttosport Xavier Jacobelli, che ha parlato a Radio Bianconera.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, dalla Spagna: è fatta per l’esterno

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, futuro senza Ronaldo: c’è il piano

Calciomercato Juventus, le parole di Jacobelli

Donnarumma, il rinnovo è in bilico (Getty Images)

Non si è sbilanciato più di tanto il giornalista. Ma ha sentenziato: “La visita a Torino di Raiola è stata l’occasione per cominciare a discutere di quello che potrà succedere in estate”. Nessun riferimento, ma è indiscutibile pensare che nel mezzo ci possa sicuramente essere la questione relativa a Donnarumma, ma anche quella di Moise Kean. Per l’attaccante le notizie delle ultime ore parlano di un addio quasi certo all’Everton – dopo il rientro dal prestito al Psg – alla fine della stagione.

In ogni caso, Jacobelli ha spiegato: “Noi capiremo molte cose sulla strategia della Juventus il 24 maggio quando si chiuderà il campionato e la Juve, come si spera, sarà di nuovo in Champions League, assodato che ormai l’Inter sia padrona del proprio destino per quanto riguarda lo scudetto”. Solamente allora si capirà se Pirlo, in primis, sarà ancora l’allenatore bianconero. E se la Juve potrà cercare di investire le risorse che solamente un piazzamento nella prossima Champions può garantire.