Del Piero Buffon
Del Piero Buffon © Getty Images

Del Piero Buffon, il commento dell’ex numero 10 alle parole di Gigi ha fatto emergere il lato peggiore di tanti tifosi bianconeri.

La vicenda Del Piero Buffon ha visto una inaspettata quanto elevata porzione di tifosi della Juventus ricoprire di insulti l’ex numero 10 bianconero. Incredibile che ad una bandiera venga riservato un tale trattamento. È esattamente ciò che le parole di Gigi hanno voluto significare: come non è accettabile un simile comportamento dell’arbitro Oliver nel match contro il Real Madrid, allo stesso modo lo è anche il gettare fango su quella che sarà per sempre una bandiera del club più titolato d’Italia. Si va da commenti di supporters delusi ma che almeno restano nell’ambito del civile ad insinuazioni ed offese in maniera del tutto gratuita. “A a 40-50mila euro a gettone è più facile fare il democratico in tv”, è una delle cose più ‘carine’ che si possono leggere su Twitter nei confronti di Del Piero. E non manca chi tira fuori l’allontanamento di Alex dalla Juventus nel modo in cui è capitato.

Del Piero Buffon, inconcepibile insultare Alex

Ovvero con un trattamento decisamente non consono al contributo che in 19 anni di militanza in bianconero il talento di Conegliano ha saputo dare. Del Piero Buffon, due tra i più forti campioni della Juve, ma con destini diversi. L’uno è stato allontanato, l’altro resterà in società, come sembra ormai già stabilito. E comprendiamo la delusione dei tanti supporters dopo una eliminazione come quella maturata contro il Real Madrid. Per gioco, mentalità, coraggio e quant’altro gli uomini di Allegri avrebbero meritato di andare avanti, dopo l’impresa di aver rimontato lo svantaggio di 3-0 dell’andata. Il Real era stato surclassato, annichilito.

Erano parole dette per il bene della Juve

Poi qualche secondo finale ha fatto la differenza in negativo. E purtroppo è il calcio. Queste cose avvengono nello sport come nella vita. Un episodio che accade e che cambia tutto. Quello che Del Piero ha detto è che si sarebbe dovuta dare priorità a certi modi. E non fare in modo che le parole di Agnelli, Buffon e Benatia venissero usate contro la stessa Juventus, come invece è stato. Attaccare l’arbitro non appartiene alla gloriosa storia di questa società. Così come non dovrebbe esserlo calpestare un totem, uno di quelli il cui nome resterà per sempre scolpito negli annali del club. La vicenda Del Piero Buffon si chiude non con le ignominiose ingiurie di (purtroppo tanti) pseudo-tifosi, quanto con la delusione proprio di ADP10. Al quale andrebbero rivolti ancora oggi tanti ringraziamenti per quanto fatto per questa maglia.

 

Siamo stati selezionati da Google News come sito accreditato, seguici sempre con un CLICK