Prandelli: «Juve più forte, ma senza stop la Lazio avrebbe avuto chance»

0
52

Cesare Prandelli, ex ct della Nazionale spiega: «La Juventus è ancora la più forte, ma gli esiti di uno stop del genere sono davvero imprevedibili».

Cesare Prandelli
L’ex ct della Nazionale (Getty Images)

«La Juve è la Juve. Era e resta la favorita per la conquista di un altro scudetto. Sa che ho perso il conto di quanti ne hanno vinti consecutivamente i bianconeri? Ma l’Atalanta è entrata in una nuova dimensione. E’ competitiva con qualsiasi avversario. Due società amiche? Ne sono stato testimone. Negli anni Settanta-Ottanta le due proprietà erano legate tantissimo. Tra Bortolotti e Boniperti c’era affetto e una grandissima stima professionale. Certi valori, figli di questi due fantastici presidenti, sono stati tramandati nel tempo». Parole dell’ex ct della Nazionale Cesare Prandelli in un’intervista a Gazzetta dello Sport.

LEGGI ANCHE >>> Il ministro della Salute Roberto Speranza mette un punto al calcio giocato.

L’ex ct Prandelli e le rivali della Juventus

Prandelli non ha dubbi ha porre ancora la Juve in pole. «La squadra di Sarri è ancora la più forte. E, di conseguenza, è ancora la favorita per la conquista dello scudetto. Però questi due mesi senza allenamenti avranno effetti che sono imprevedibili. La squadra di Sarri è ancora la più forte. E, di conseguenza, è ancora la favorita per la conquista dello scudetto. Però questi due mesi senza allenamenti avranno effetti che sono imprevedibili».