Allegri out ma ancora alla Juventus: incastro completato

0
240

Allegri esonerato ma ancora alla Juventus, il futuro dell’allenatore bianconero continua ad essere argomento di dibattito. 

Un maggio di fuoco attende la Juventus, ancora in corsa su due fronti. Innanzitutto c’è da portare a casa la finalissima di Europa League, in programma a Budapest. Una coppa che Massimiliano Allegri desidera ardentemente. Per due motivi: da un lato sarebbe un toccasana per una bacheca che non vede nuovi ingressi da ormai due anni; dall’altro per assicurare ai bianconeri un pass per la Champions League dalla porta principale.

Allegri esonerato ma ancora alla Juventus: incastro completato
Allegri – Juvelive.it (Ansa)

La corsa per un piazzamento nella coppa continentale più importante è di nuovo affollata e ci sarà da sudare verosimilmente fino all’ultima giornata. La Juventus non ha fatto grossi passi avanti in campionato: nelle ultime quattro giornate ha raccolto a malapena un punto, non riuscendo ad approfittare dei passi falsi della Lazio ed a scavalcarla in seconda posizione. Il risultato è che adesso si ritrova con le due milanesi e la Roma quasi a portata di sorpasso: da questo fine settimana il “trio” ha solo tre punti in meno.

Allegri esonerato ma ancora alla Juventus: pronto un ruolo da direttore dell’area tecnica

La dirigente apparentemente ha blindato Allegri e la conferma è arrivata ieri sera con le parole del CFO Francesco Calvo. Il tecnico toscano, a quanto pare, resterebbe alla Continassa anche se non dovesse conquistare gli obiettivi che il club si è prefissato.

Juventus, addio Fresneda, verso la Premier League
Max Allegri (LaPresse) – Juvelive.it

Il fatto è che il futuro della Juventus, con le vicissitudini giudiziarie che rischiano di stravolgere i piani della società, è quasi impossibile da definire oggi. Nel frattempo, però, arrivano conferme per quanto riguarda la permanenza dell’allenatore originario di Livorno, ma con un ruolo alternativo. Secondo il portale inglese 90min.com, Allegri potrebbe restare a Torino, non più in panchina ma dietro ad una scrivania. Andrebbe a ricoprire un altro tipo di incarico, quello di direttore dell’area tecnica, operando insieme al nuovo gruppo dirigente della Juventus. Un’indiscrezione che in realtà circola già da un po’ di tempo.