Appelt Pires, da meteora alla Juventus alle prime pagine dei giornali

0
457

Vi ricordate Gabriel Appelt Pires? Alla Juventus è stato una meteora anche se quando arrivò fu considerato un futuro top player. Oggi è una star al Benfica.

gabriel appelt pires
gabriel appelt pires

Alcuni giocatori hanno semplicemente bisogno di tempo per crescere, commettendo degli errori nell’ambiente giusto che li farà maturare, dando loro fiducia nonostante commettano qualche errore di troppo. E’ sostanzialmente quello che è successo a Gabriel Appelt Pires, centrocampista classe 1993 arrivato alla Juventus a 18 anni e considerato una vera e propria promessa del calcio mondiale.

In bianconero, però, il ragazzo non sboccerà mai: dopo qualche discreta prestazione tra le fila della Primavera, infatti, il ragazzo inizierà a girovagare in tutta Italia, in Serie B soprattutto, sena tuttavia trovare mai casa stabilmente.

E dire che il suo primo anno alla Pro Vercelli non era nemmeno stato male, ma non bastò per meritarsi il riscatto da parte del club emiliano. Le successive esperienze tra Spezia, Pescara e Livorno non lo hanno mai visto tra i protagonisti assoluti, tra tanti bassi e pochi alti. Insomma, l’Italia non fa per lui.

La Juve allora decide di spedirlo in prestito in Spagna, al Leganés, intravedendo comunque un talento da valorizzare nella speranza di poterlo monetizzare. Qui il ragazzo finalmente esplode: prestazioni da protagonista, tanti gol e tanto successo che gli valgono il riscatto a titolo definitivo. Poi, la chiamata del Benfica.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE: Calciomercato Juventus, Sarri prenota un terzino per giugno

Gabriel Appelt Pires: meteora alla Juventus, star al Benfica

Gabriel Appelt Pires – Getty Images

Il club lo acquista per circa 8 milioni ma la sua stagione non inizia benissimo: rottura parziale del legamento collaterale che lo costringe a parecchi mesi di stop. Quando ritorna, però, Appelt Pires lo fa da protagonista non venendo mai sostanzialmente tolto dal campo.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE: Calciomercato Juventus, ecco cosa ha detto il procuratore di Jorginho

Per lui quest’anno sono già 13 presenze ed una rete, ma soprattutto tanti assist per il compagno ed una leadership finalmente ritrovata. Il ragazzo adesso è esploso a tal punto che A Bola gli dedica una copertina per il suo gol che ha portato, al 95esimo minuto, i portoghesi al successo per 3-2 contro il Famaliçao in Coppa. Insomma il ragazzo è rinato ed ha finalmente trovato la sua dimensione.