Tommasi spinge per la ripartenza: «Venerdì presentiamo protocollo»

0
19

Il presidente dell’Assocalciatori fiducioso per una ripartenza del calcio italiano. Tommasi: «Non è stato validato e non sappiamo quali siano le criticità».

Tommasi ©Getty
Damiano Tommasi ©Getty

«Siamo tutti in attesa di questo benedetto protocollo sanitario per la ripresa completa dell’attività. Non è stato ancora validato e non sappiamo ad oggi quali siano le criticità. Sicuramente una delle criticità da affrontare è quella della gestione del gruppo squadra in presenza di un caso di positività al coronavirus – spiega Tommasi -. Siamo in attesa, so che la Federcalcio si deve interfacciare col Comitato tecnico-scientifico del Governo, ma non ho novità. L’8 maggio, venerdì, abbiamo il consiglio federale e contiamo per quella data di avere non dico il protocollo approvato ma almeno capire perché eventualmente non è stato ancora validato».

LEGGI ANCHE >>> Spadafora, clamorosa apertura al calcio italiano: «Vogliamo ripartire, ma con sicurezza».

Tommasi, il paladino dei calciatori

Di recente Tommasi, paladino dei calciatori, aveva applaudito alla scelta della Juventus di riduzione degli stipendi. «Stiamo vivendo un momento di interlocuzione – disse il 4 aprile -. Parliamo con le varie leghe, per capire le potenzialità dei nostri accordi, che devono essere condivisi. Tutto questo si sta discutendo in previsione della malaugurata ipotesi che non si possa riprendere la stagione. Iniziativa della Juventus? Per noi l’obiettivo è che ci siano accordi tra giocatori e club e che non si arrivi a contenziosi. C’è da capire le esigenze delle parti e la tempistica. La Juventus ha fatto un passo avanti e ha trovato l’accordo, ma si tratta di normale dialettica interna».