Calciomercato Juventus, il doppio consiglio del Ct Mancini

0
313

Calciomercato Juventus, il Ct Roberto Mancini ha parlato di Chiesa e ha anche consigliato due giovani promesse ai bianconeri

Juventus
L’allenatore della Nazionale Roberto Mancini, Calciomercato Juventus @Getty

Calciomercato Juventus, Roberto Mancini ha parlato del pupillo bianconero e della nazionale italiana Federico Chiesa. Il Ct azzurro, che l’ha lanciato titolare nella nazionale, ha parlato del ragazzo e del suo ottimo stato di forma. Intervenuto al ‘Corriere Dello Sport‘, Mancini ha detto: La Juventus è un passaggio importante per lui, di crescita e completamento soprattutto sul piano mentale”. E poi ha aggiunto: “Chiesa sarà importante per la Nazionale, con noi ha fatto sempre molto bene”. 

LEGGI ANCHE>>>Juventus, Alex Sandro e Cuadrado: c’è la data del rientro

Calciomercato Juventus, il doppio consiglio del Ct Mancini

Calciomercato Juventus
Lovato, Calciomercato (Getty Images)

Ma il Ct Mancini si è anche lasciato andare a qualche consiglio di mercato, che proprio in ottica bianconera, potrebbe fare comodo per il futuro. Ovviamente i profili trattati sono tutti italiani. Ecco cosa ha detto: Abbiamo molti giovani interessanti: sto seguendo Zaccagni e Lovato, proprio bravi. Anche per loro sarebbe importante l’esperienza in una squadra di alto livello, ma solo quando verrà il momento. Adesso se li deve godere il Verona che su di loro ha investito”.

LEGGI ANCHE>>>Calciomercato Juventus, nuovo nome per l’attacco: contatti continui

Sempre su Chiesa, Mancini, ha risposto al confronto col padre Enrico, altro giocatore che fu importante per la nazionale italiana. Ecco le sue parole: “Enrico entrò alla Samp che era un ragazzino, si può dire che l’ho cresciuto. Ricordo che dopo una stagione in serie A lo prestammo al Modena e si mise a fare gol. Un altro anno a Cremona e quando rientrò era un giocatore formato, ce lo chiedevano tutti. Bravissimo anche come persona. Lui e Federico sono diversi sia fisicamente, come struttura, sia tecnicamente, li trovo simili solo nell’ultimo tocco di preparazione al tiro”.