Calciomercato Juventus, “rottura” Allegri-Dybala: confessione in radio

0
143

Calciomercato Juventus, emergono ulteriori novità in merito alla questione legata a Paulo Dybala, che non ha ancora rinnovato il contratto.

Dal nodo ingaggi alla questione infortuni, salvo poi passare al possibile, eventuale, futuribile inserimento dell’Inter. Paulo Dybala continua ad attirare su di sé l’attenzione mediatica, a maggior ragione visto il mancato rinnovo del suo contratto in scadenza nel 2022.

Paulo Dybala @LaPresse

A domanda specifica, Allegri ha ribadito, almeno a parole, la grande considerazione con la quale “vede” Paulo Dybala, definendolo “un grande calciatore”. La sensazione, però, è che la Juventus stia attentamente valutando l’evolvere della situazione legata all’argentino, soppesando ogni mossa. L’accordo con l’entourage dell’attaccante era stato trovato, ma i quasi 10 milioni di euro netti, bonus compresi, fino al 2026 sembrano essere davvero troppi per una “Joya” formato ridotta, o comunque sempre esposta a problematiche di infortuni vari.

E c’è chi pensa, addirittura, che Allegri non intenda fare di Dybala il punto di riferimento offensivo della sua nuova creatura, stando almeno a quanto riferito da Tony Damascelli, intervenuto ai microfoni di Radio Radio.

Leggi anche –> Calciomercato Juventus, firma vicina: prezzo fissato

Calciomercato Juventus, ribaltone Dybala: il dietrofront di Allegri

Juventus Dybala Calciomercato
Paulo Dybala @LaPresse

Ecco le parole di Damascelli: “Nel periodo natalizio, Allegri parlando con una persona importante della Juve ha rivelato come non intendesse basare il lavoro della Juve su Dybala, perché resosi conto che una cosa è una giocata bellissima, estemporanea, un altro paio di maniche è lavorare su un calciatore facendone il punto di riferimento della stagione.”

Leggi anche –> Calciomercato Juventus, Roma gelata | Colpaccio low cost

Secondo Damascelli, dunque, Allegri avrebbe tolto al suo numero 10 quell’aura di “centralità” che si credeva che potesse avere all’indomani della partenza di Cristiano Ronaldo, ridimensionandone ruolo e gerarchie. Che sia il preambolo di una lenta ed inesorabile separazione a giugno? Lo scopriremo, intanto Inter, Tottenham e Barcellona restano alla finestra…