Juventus, bilancio in rosso e futuro Allegri: la data della decisione UFFICIALE

0
229

Juventus, bilancio in rosso e data ufficiale per il futuro bianconero e di Allegri. Tutti gli aggiornamenti.

Non è un buon momento in casa bianconera, laddove si registrano da tempo importanti e serie difficoltà da un punto di vista tecnico e non solo. Numerosi i limiti palesati dagli uomini di Allegri sul terreno di gioco e concretizzatisi nella serie reiterata di pareggi e sconfitte catalizzata dal pareggio di Genova e interrotta unicamente dall’imposizione casalinga contro lo Spezia.

Dirigenza

C’è dunque tanto da lavorare e restano copiose le valutazioni da ponderare per poter comprendere in che modo archiviare quello che ha tutte e caratteristiche per essere definito come uno dei punti più bassi del recente passato bianconero.

Bilancio in rosso e futuro Allegri: spunta la data decisiva per la Juventus

Esonero Allegri e licenziamento Nedved
Pavel Nedved ©️LaPresse

Le tante asperità incontrate sul campo e le voci su Allegri rischiano però di far passare in secondo piano tante altre questioni di non trascurabile importanza e tutt’altro che slegate dallo status di salute di questo club. Particolare attenzione merita il riport di Calcio e Finanza, legato alla convocazione del Consiglio di Amministrazione il prossimo 23 settembre.

Questo venerdì andrà infatti presentato il bilancio della scorsa stagione con una perdita prevista sui 250 milioni di euro, rispetto ai 132 dello scorso febbraio.  Tutt’altro che migliorato il rosso dello scorso anno e totalmente non rispettata la previsione, dal sapore di promessa, di concretizzare un sensibile miglioramento. Riportiamo, a tal proposito, quanto descritto da Calcio e Finanza che, non senza allarmismi, scrive così.

Se le perdite fossero confermate, si tratterebbe di un rosso superiore rispetto all’esercizio 2020/21, quando la Juventus chiuse a -209,9 milioni di euro. Per il club sarebbe il quinto bilancio in rosso consecutivo dopo le perdite appunto per 209,9 milioni nel 2020/21, per 89,7 milioni nel 2019/20, per 39,8 milioni nel 2018/19 e per 19,2 milioni nel 2017/18“.