Juventus-Cremonese, all in Allegri: “Bremer, Rabiot e Pogba? Vi dico tutto”

0
345

Juventus-Cremonese, alla vigilia del match di campionato, ha parlato mister Massimiliano Allegri. Andiamo a scoprire cos’ha detto.

Dopo il pareggio di Europa League con un gol di Gatti all’ultimo minuto di recupero, Allegri e i ragazzi, dovranno rispondere positivamente in campionato. Quella di domani sera sarà una partita da vincere anche per sperare nella qualificazione in Europa per la prossima stagione, penalizzazione permettendo.

Colpaccio a stelle e strisce: la Juventus cala il primo asso estivo
Allegri, tecnico della Juventus (Lapresse) – Juvelive.it

In conferenza stampa, alla vigilia del match casalingo di domani sera, mister Massimiliano Allegri ha risposto così alle domande dei tanti giornalisti:

Cremonese? Nel girone di ritorno sarebbe salva, ha fatto tre punti in più delle concorrenti. Subisce poco, pericolosa nel contropiede. Questi sono i match più pericolosi. Queste partite vanno vinte sul campo. Partita essenziale come quella di giovedì.

Squadra di giovani? Stiamo facendo un buon lavoro. Tanti giovani che stanno crescendo. Domani non bisogna sbagliare, dobbiamo avere la voglia di migliorare.

Bremer? Domani gioca Perin, Bremer è a posto. Rabiot sarà a disposizione.

Pogba di nuovo leader? Paul sta crescendo di condizione. Lui è fondamentale vicino all’area, un giocatore straordinario: deve ritrovare la condizione. In questo momento che sia a disposizione.

Stato d’animo nostro? Morale buono, ottimo. Il gol alla fine col Siviglia ci ha dato entusiasmo, adesso andiamo a giocarci una finale alla pari. Campionato dobbiamo fare il nostro, difendendo il secondo posto. Poi sulle cose esterne non possiamo farci niente.

Cosa manca a questa Juve per lottare per lo scudetto? Dobbiamo pensare ad arrivare al 5 giugno nelle migliori condizioni, arrivare alla finale. Per quanto riguarda le altre decisioni, sono della società, su quello che sarà il futuro. Tutte cose che riguardano solo la società.

Bonucci si recupera e sul finale della carriera?  Il finale di carriera spettano direttamente ai giocatori, Leo sceglierà per il bene suo. Ha raggiunto un record storico con la Juve, sono veramente entusiasta di aver lavorato con lui tutti questi anni: un giocatore straordinario. 500 in bianconero sono importanti. Leo è sempre un giocatore che si mette a disposizione. Per il recupero sono 20 giorni di prognosi, speriamo di riaverlo il prima possibile.